Davide e Daniele Trivella, gemelli, formano un duo pianistico considerato tra i più interessanti nel panorama concertistico internazionale.
Vincitori della competizione più importante al mondo per duo pianistico il Murray Dranoff di Miami.
Le loro straordinarie esecuzioni hanno unanimemente impressionato le giurie di altri numerosi e importanti concorsi nazionali ed internazionali.
Il grande successo, decretato dalle vittorie a questi concorsi, li ha portati a tenere recital per rilevanti associazioni concertistiche in Italia, Austria, Francia, Germania, Israele, Russia e America nei quali il pubblico presente in sala, formato anche da critici e personalità noti nel mondo musicale, è stato catturato dallo stile, dalla straordinaria intesa e dalla grande capacità comunicativa e interpretativa.
Nel 2000, nell'ambito della Biennale di Venezia, hanno eseguito un concerto con il pianista Pierre-Laurent Aimard le trascrizioni e l'opera pianistica di Schonberg riscuotendo notevoli consensi di pubblico e di critica.
La loro versatilità si esprime in un repertorio, che spazia dal settecento fino ai nostri giorni, comprendente sia pezzi fondamentali del novecento quali le "Visions de l'Amen" di Messiaen, le sonate di Hindemith, i pezzi orchestrali op.16 di Schonberg/Webern, le opere di Stravinsky per duo, sia composizioni che ruotano attorno alla sfera Jazzistica quali Gershwin, Piazzolla, Giovanni Sollima, spesso rielaborati da loro, sia lavori di autori contemporanei come Rubin de Cervin ("Offerte" in prima esecuzione assoluta) e Frank Zabel.


Il talento musicale dei fratelli Trivella si è formato nell'ambiente milanese con Alberto Colombo, all'Accademia Musicale di Firenze con Pier Narciso Masi e da brevi ma significativi incontri con Katia Labèque all' Accademia Chigiana di Siena, Alfons Kontarsky al Mozarteum di Salisburgo, Alexander Lonquich a Loano, Bruno Canino a Milano e Thérèse Dussaut a Parigi.
I loro concerti sono stati trasmessi da Rai Tre, Radio France, Radio Israele, Bayern 4.
Hanno inciso per la Phoenix.
Si sottolinea la tourneè, in veste di solisti, in duo e in trio al Festival di musica da camera "Cape Classic" ( Sud Africa ) nel febbraio 2006.
Inoltre, nel 2006, i loro impegni concertistici li hanno portati a suonare in America il concerto per due pianoforti e orchestra di Morton Gould, a Bangkok, per il bicentenario mozartiano, il concerto per due pianoforti in MI bemolle K 365 e al Warwick festival in Inghilterra.
Tra le loro ultime performances si ricordano quelle di Miami per il decimo anniversario del Concorso Murray Dranoff, il recital alla sesta edizione del "Bergamo Musica Festival" e la serie di esecuzioni al 49 ° "Festival Pianistico di Brescia e Bergamo" raccolte in un CD e un libro pubblicato da Lubrina.
Sin dalla più tenera età la loro creatività si esprime anche attraverso la composizione che è pura e nostalgica, in contrappunto con la natura. Autentica poesia diretta all'anima. I loro ultimi lavori per pianoforte saranno pubblicati prossimamente.
Di recente pubblicazione dalla Casa Editrice Sonzogno la loro trascrizione per due pianoforti di Violoncelles, vibrez! di Giovanni Sollima.